Non solo slogan: il judo dimostri davvero di essere “more than sport”

Ricordiamo l’accaduto. Olimpiadi di Rio 2016. Judo, ovviamente. Categoria +100Kg, 16mi di finale.

Islam El Shehaby إسلام الشهابي‎‎, egiziano già bronzo ai Mondiali di Tokyo 2010 e bronzo ai Giochi del Mediterraneo nel 2005 e nel 2009, incontra Or Sasson אור “אורי” ששון, israeliano già argento agli Europei di Kazan 2016 e agli European Games di Baku 2015. …

Leggi

Lezioni di vita e di Judo da Akiyama sensei

Gli scorsi 7 e 8 giugno a Santomato, una ridente località nella campagna pistoiese, si è svolto uno stage di ju-no-kata organizzato dal maestro Alessio Oltremari 7° dan (Nihonden Judo® ACSI) e tenuto da Sumiko Akiyama 澄子 秋山 7° dan Kodokan. Sono stati circa 30 i fortunati judoka che hanno avuto il privilegio di poter partecipare ad un simile evento …

Leggi

Non ho progetti: l’occasione è i miei progetti

Per Jigorō Kanō il kōgi 講義 era uno dei quattro pilastri dell’insegnamento del judo: la lezione del maestro ai suoi allievi che trascende i confini del tatami e che vuole essere un momento di riflessione e di introspezione finalizzata alla crescita morale dell’individuo. Un solo momento che però può anche cambiare una vita intera.

Ieri sera sul tatami il maestro Parlati ha parlato …

Leggi

Il rispetto del “jita-kyoei” 自他共栄

In questi ultimi due mesi – in concomitanza con la pubblicazione del mio primo libro – ho visitato vari dojo, tutti diversi fra loro ma parimenti interessanti e ricchi di amici con cui condividere la gioia di praticare Judo e diffondere un pizzico di cultura. Anni fa non davo alcuna importanza a questo tipo di esperienze, ignorando completamente gli enormi …

Leggi

Ikioi e hazumi, o la questione della natura dell’energia

Quando Jigorō Kanō parla di proiezione utilizza due termini: «ikioi» e «hazumi» (勢) per introdurre una distinzione. Queste due parole, che non sono specifiche del lessico del judo, descrivono entrambe l’energia impiegata per portare a termine un’azione. Comprendere la sfumatura di significato che distingue queste due nozioni può essere una chiave per sfruttare meglio le situazioni del randori di …

Leggi

Due giovani, una stessa passione!

VERONA – Venerdì 3 maggio 2013 presso il Centro Arti Marziali Yawara due giovani appassionati di judo – Filippo Turrini ed Enrico Tommasi – hanno organizzato la seconda edizione della serata di approfondimento culturale dal titolo “Il Judo: Storia, Tradizione e Attualità“. La precedente edizione, svoltasi a Caprino Veronese l’11 maggio 2012, era stata un banco di prova per i due judoka, …

Leggi

La fiaba dell’Iris (di Luciano Ghelli)

In occasione delle esequie funebri del compianto Cesare Barioli, Luciano Ghelli (judoka, amico, compagno e “spalla” di Barioli da decenni) ha composto questa stupenda poesia. “La fiaba dell’Iris” è stata letta ai funerali di Barioli ed è stata anche riproposta il 20 ottobre 2012 a Vercelli, in occasione del convegno internazionale AISE dal titolo “Judo, una prospettiva sull’Educazione“.

Ma ora è …

Leggi

Prima apprendi, poi distaccati, infine trascendi

Prima apprendi, poi distaccati, infine trascendi” è la traduzione più vicina all’italiano della bellissima espressione giapponese shu-ha-ri (守破離). L’immagine che nasce da tale concetto è quella del cerchio che si richiude nell’esatto punto di partenza (l’ensō 円相), idea tanto cara alla tradizione nipponica ed enormemente piena di significati simbolici.

Shu-ha-ri rappresenta idealmente i tre grandi livelli di apprendimento di qualsiasi …

Leggi